Allerta meteo

  • Stampa

Avviso di condizioni meteorologiche avverse 26 e 27 Ottobre 2016

Protezione civileIl Centro Funzionale d'Abruzzo comunica che è stato emesso dal Dipartimento della Protezione Civile Nazionale l'Avviso di condizioni meteorologiche avverse n.° 16119 Prot. N° RIA/56900 del 26.10.2016 recante:


“DALLA SERATA DI OGGI, MERCOLEDI 26 OTTOBRE 2016, E PER LE SUCCESSIVE 18-24 ORE, SI PREVEDONO PRECIPITAZIONI ANCHE A CARATTERE TEMPORALESCO SU TOSCANA, UMBRIA, LAZIO, CAMPANIA, ABRUZZO E MOLISE.
DALLE PRIME ORE DI DOMANI, GIOVEDI 27 OTTOBRE, E PER LE SUCCESSIVE 24-36 ORE, SI PREVEDONO […OMISSIS…] VENTI FORTI DAI QUADRANTI SETTENTRIONALI, CON LOCALI RINFORZI DI BURRASCA, SU MARCHE, ABRUZZO, MOLISE, PUGLIA, BASILICATA, CALABRIA E SICILIA; RINFORZI FINO A BURRASCA FORTE SULLE ZONE IONICHE E POSSIBILI MAREGGIATE LUNGO TUTTE LE COSTE ESPOSTE.

I FENOMENI TEMPORALESCHI SARANNO ACCOMPAGNATI DA ROVESCI DI FORTE INTENSITÀ, FREQUENTE ATTIVITÀ ELETTRICA E FORTI RAFFICHE DI VENTO.”

Al fine di garantire la salvaguardia della popolazione e la riduzione di possibili disagi, si raccomanda alle Amministrazioni comunali, tra l’altro, di:

- verificare la disponibilità del proprio personale;

- verificare la disponibilità e l'efficienza di materiali e mezzi a disposizione delle stesse;

- attuare servizi di monitoraggio su aree esposte a rischio di allagamenti e/o a fenomeni gravitativi, anche attraverso il presidio territoriale e a mettere in atto le azioni previste dal Piano di Emergenza Comunale, con particolare riferimento all'informazione della popolazione potenzialmente a rischio;

- mettere in atto le attività necessarie alla mitigazione del rischio (ad es. controllo dei sottopassi soggetti ad allagamento, verifica della pulizia delle caditoie);

- prestare particolare attenzione a sottopassaggi pedonali e veicolari nonché ad altro manufatto tendente a rapido allagamento;

- assicurarsi della tempestività di intervento degli addetti in quanto potrebbero verificarsi blackout elettrici e telefonici anche prolungati;

- assicurarsi di aver provveduto alla manutenzione di alberature;

- verificare possibili situazioni di criticità note (instabilità di pali, massi..);

- verificare la fattibilità di eventi all’aperto programmati;

- nelle zone di montagna, qualora presenti, verificare adeguate misure di sicurezza degli impianti di risalita;

- verificare le strutture provvisorie (tensostrutture, ponteggi,..) di propria competenza.